Soluzioni empiriche: caratteristiche, tipi, preparazione ed esempi

Le soluzioni empiriche sono quelle in cui le quantità esatte di soluto e solvente non sono definite o riprodotte. La relazione tra la quantità di soluto e il solvente di queste soluzioni non è determinata quantitativamente; quindi, mancano di concentrazione nota.

La soluzione empirica, come indica la parola "empirico", è un prodotto della pratica, dell'esperienza della persona che prepara la soluzione. Queste soluzioni sono anche conosciute come soluzioni qualitative.

Durante la preparazione di un succo di kiwi, vengono aggiunti un volume e un numero di fette variabili, a seconda delle dimensioni della caraffa o di quanti diners si aspettano di soddisfare la loro sete.

Le quantità di soluto (kiwi e zucchero) e solvente (acqua) utilizzate nella preparazione sono fatte al giudizio o all'esperienza della persona che prepara la soluzione. Inoltre, la preparazione di questa soluzione empirica è soggetta al criterio del gusto; se la persona preferisce che sia più dolce, aggiungerà mezzo bicchiere di zucchero in più.

I componenti del succo di kiwi mancano, quindi, di una concentrazione definita o ben nota come quella di cui hanno le soluzioni valutate. Inoltre, questo succo non può essere espresso con nessuna delle unità di concentrazione, né fisiche né chimiche; a meno che non pesino e misurino correttamente tutti i loro ingredienti.

Le soluzioni empiriche non hanno una solita applicazione, di importanza nell'industria o nella scienza. Occasionalmente la preparazione di soluzioni empiriche in chimica, come nelle prove dei mezzi di dissoluzione.

Caratteristiche delle soluzioni empiriche

Tra le caratteristiche che possono essere attribuite a soluzioni empiriche sono le seguenti:

- Di solito sono preparati in luoghi informali, come case, ristoranti, fontane, bar, tra altri luoghi simili.

-Qualcuno può prepararli, senza una formazione specifica in chimica, o precedenti esperienze in laboratorio.

-La preparazione di queste soluzioni è fatta per soddisfare o soddisfare alcune necessità, in genere culinaria, cibo, tra gli altri.

-Durante la preparazione di queste soluzioni prevale l'esperienza, la pratica, il criterio, la necessità o il gusto della persona che li prepara.

- Sono preparati senza seguire alcun metodo di pesatura, senza la necessità di eseguire calcoli stechiometrici o attrezzature strumentali; come il pH-metro, per esempio.

-Nella sua preparazione non usare materiali volumetrici, poiché non è essenziale avere misurazioni esatte dei volumi di solventi o soluti liquidi.

- La sua preparazione in generale è rara nei laboratori di routine e nella ricerca, dove sono richieste soluzioni di solito di valore.

-Le soluzioni empiriche più spesso preparate nelle famiglie sono i soluti disciolti nei liquidi. La miscelazione di liquidi nei liquidi, nella preparazione di cocktail, ad esempio, è spesso preparata pure.

Tipi o classificazione

La classificazione delle soluzioni empiriche è simile a quella delle soluzioni valutate quando sono espresse qualitativamente o informalmente. È già chiaro che la quantità di soluto o solvente in queste soluzioni non è determinata esattamente.

Quando si considera la solubilità e la quantità di soluto che viene aggiunto al solvente, le soluzioni empiriche possono essere diluite o concentrate. Allo stesso modo, le soluzioni empiriche concentrate possono anche essere classificate come insature, saturate o supersature.

Una bevanda istantanea può essere preparata sia diluita che concentrata, in base al gusto o alla necessità del commensale.

Soluzione diluita

È quella soluzione in cui è stata aggiunta una piccola quantità di soluto in relazione alla quantità di solvente presente. Il sapore della soluzione risultante, il colore ottenuto, tra gli altri criteri, indicherà quanto diluita o concentrata sia la soluzione. Un esempio di questa soluzione potrebbe essere quello di mettere un po 'di zucchero diluito in una tazza di acqua.

Soluzione concentrata

Sono quelle soluzioni che hanno una quantità abbondante o elevata di soluto rispetto alla quantità di solvente nella soluzione. Una soluzione empirica è concentrata aggiungendo più soluto o diminuendo il volume del solvente.

Soluzione insatura

È quella soluzione in cui la quantità del soluto è elevata senza saturare la soluzione; quindi, anche più soluti possono essere sciolti senza la formazione di un precipitato.

Soluzione satura

È quella soluzione in cui è stata aggiunta la quantità massima di soluto che il solvente può sciogliere. Nella soluzione preparata, nessun soluto si dissolverà nel solvente della soluzione.

Soluzione supersatura

È quella soluzione che è stata preparata con una quantità di soluto che supera i limiti o la capacità di dissoluzione del solvente. Solo aumentando la temperatura si può aumentare la solubilità del soluto.

preparazione

Come indicato nei paragrafi precedenti, nella preparazione di soluzioni empiriche prevalgono i gusti della persona che prepara la soluzione. La quantità di soluto, così come la quantità di solvente, dipenderà dai criteri individuali e dai requisiti personali.

Nella sua preparazione non verrà utilizzata alcuna pesata per soluto e pertanto le unità di misura sono numericamente inesistenti.

materiale

È possibile utilizzare utensili come cucchiai, versati in contenitori che mancano anche di un indicatore di volume; bicchieri o barattoli, o anche lame aggiunte dalle dita o una piccola quantità nei pugni.

Caffè, cocktail e tè

La soluzione empirica può contenere una o più sostanze sciolte in una certa quantità di solvente. Come un caffè, ad esempio, oltre all'acqua e al caffè, lo zucchero viene solitamente aggiunto come dolcificante.

D'altra parte, può anche consistere in una miscela di liquidi, come ad esempio i cocktail. Diversi liquori vengono miscelati per preparare questo tipo di soluzione empirica e, in assenza di metriche, viene messa alla prova l'abilità di preparare la stessa bevanda con lo stesso gusto infinito di volte.

Può essere preparato con solidi come il tè verde o altre spezie che impregnano il solvente con il suo sapore e odore. Una soluzione empirica viene preparata una volta che questa preparazione viene colata, o passata attraverso un setaccio, lasciando la soluzione omogenea.

Esempi

Vi sono numerosi esempi che possono essere forniti di soluzioni empiriche, preparati di routine a casa o alla fine nei laboratori.

Preparazione di bevande

Le bevande vengono preparate a casa, nei ristoranti e in altri negozi di alimentari. Ci sono molte bevande istantanee, come tè o bevande al cioccolato, il cui criterio è il gusto e il gusto delle persone.

Caffè, limonate, tè, cioccolato al latte, caffè con latte, cocktail, guarapitas, tra le altre bevande vengono continuamente preparati.

Test dei mezzi di dissoluzione

In chimica, le soluzioni empiriche vengono preparate eseguendo alcuni test per la preparazione dei mezzi di dissoluzione.

Un esempio potrebbe essere quando si dispone di un composto organico P e si desidera studiare la sua solubilità in diversi solventi. Dai risultati qualitativi, che sono soluzioni empiriche, può essere preparato uno specifico mezzo di dissoluzione.

I test sono effettuati con mezzi di dissoluzione per quel composto, senza la necessità di utilizzare materiale volumetrico per la sua preparazione.

In questo terreno, i solventi oi reagenti vengono aggiunti nella misura in cui viene raggiunta una soluzione appropriata di P. Da queste precedenti misurazioni viene eseguita la stessa procedura per dissolvere altri solidi della stessa natura di P.

Quindi, è possibile stimare la concentrazione necessaria di questi reagenti per riprodurre il mezzo di dissoluzione; e con ciò, cessa di essere una soluzione empirica.

Bagno di ghiaccio

Le soluzioni empiriche possono essere preparate quando si utilizzano crioscopici o bagni di ghiaccio per mantenere una sostanza o un mezzo di reazione a basse temperature. La persona che lo prepara aggiunge una quantità incerta di ghiaccio, sale e acqua, al fine di raffreddare abbastanza il contenitore o il materiale posto all'interno del bagno.

Uso di indicatori di pH

Un altro esempio è quando si aggiungono indicatori solidi acido-base a un campione a cui verrà effettuata una valutazione volumetrica. Se l'indicatore mostra già un colore nel pH del campione, verrà aggiunta una quantità tale che l'intensità del suo colore non interferisca con il punto finale (svolta dell'indicatore) nella valutazione.

Ciò si verifica, ad esempio, quando si lavora con l'indicatore nero di Eriochrome T. Il suo solido è costituito da cristalli neri che colorano intensamente il campione da valutare. Se viene aggiunto troppo di questo indicatore, la soluzione diventa blu scuro, il che rende impossibile osservare il punto finale.

Soluzione di bicarbonato

Bicarbonato per ustioni da acido: aggiungere una tale quantità di bicarbonato in acqua fino a saturazione.

Quando questa soluzione non viene preparata prima dell'incidente, una quantità premeditata di questo sale viene aggiunta all'acqua al solo scopo di neutralizzare l'acido o la base nell'area del corpo interessato.

Decorazioni natalizie

Quando i palloncini con soluzioni colorate (composti di metalli di transizione, coloranti, ecc.) Vengono improvvisati per decorare i laboratori a dicembre, vengono utilizzate soluzioni empiriche (a meno che non siano state preparate quantitativamente).

Riflessione finale

Come riflessione finale, in laboratorio ci sono pochissime occasioni in cui si lavora con soluzioni empiriche (molto meno a livello industriale).

Questo perché è imperativo essere in grado di riprodurre perfettamente le soluzioni. Inoltre, l'accuratezza e la precisione delle misure non possono essere sacrificate; poiché veracità e qualità sarebbero sottratte dai risultati sperimentali.