Quali sono le differenze tra stato e nazione?

Le differenze tra stato e nazione sono notevoli, sebbene spesso questi termini siano usati come sinonimi nel modo sbagliato.

Uno stato è quell'entità politica e amministrativa in cui una società decide di raggrupparsi in un territorio. Gli stati sono supportati da tre elementi di base: popolazione, sovranità e territorio. La popolazione esercita la sovranità su tutto il territorio, che a sua volta è controllato da un governo, che può essere eletto dai suoi abitanti.

D'altra parte, una nazione è un popolo. Cioè, una società che condivide lingua, cultura e una storia comune, che ha acquisito un'identità che la differenzia in misura maggiore o minore dalle altre nazioni.

La confusione tra questi due termini è che l'attuale società in cui viviamo è dominata dagli stati-nazione. Questo perché questi due concetti hanno reso la simbiosi; Nella maggior parte dei casi, si sono formati stati dove prima c'erano nazioni. A volte sono venuti per essere usati come sinonimi. Ad esempio, l'ONU è l' Organizzazione delle Nazioni Unite, ma ha Stati membri.

I confini delle nazioni possono superare i confini che gli stati hanno delimitato tra loro attraverso diversi conflitti politici e militari. Anche all'interno di uno stato possono esistere diverse nazioni che, in un determinato momento della storia, finiscono per riunirsi in un solo paese.

Attualmente, ci sono stati che rifiutano ogni possibilità che minaccia l'identità nazionale maggioritaria, mentre altri accettano la pluralità e la promuovono. Le mappe sono vittime di frequenti cambiamenti con la creazione di nuovi stati. Le nazioni sono molto più stabili nel tempo.

I popoli come l'italiano o il tedesco esistono da secoli con una identità consolidata, sebbene la creazione dei loro stati sia recente. Potresti anche essere interessato a conoscere i tipi di nazionalismo esistenti, dal momento che è una sensazione molto legata al concetto di nazione.

4 differenze fondamentali tra stato e nazione

1- La nazione è un'organizzazione sociale, lo stato è un'organizzazione politica

Definire la cultura è un compito titanico, perché ci sono centinaia di concetti formulati da diversi autori nel corso della storia. Nonostante questo, è possibile inquadrare la relazione tra cultura e nazione.

Questi due elementi non sono direttamente correlati, ma di solito si uniscono. Una nazione ha una configurazione culturale definita, anche se condivide tratti con altre nazioni (Ghai, nd).

Al contrario, uno stato non comprende le culture. Sebbene il suo funzionamento possa essere mediato da esso, uno stato è responsabile di assicurare la sovranità del suo territorio e di concedere i diritti stabiliti alla popolazione ivi residente.

2- Gli Stati richiedono un territorio, le nazioni no

Poiché gli stati sono un'istituzione politica che stabilisce un governo, il potere deve essere esercitato su un territorio. C'è il caso dell'Ordine di Malta, che è uno stato senza territorio perché nel corso della storia è stato lasciato senza, ma perché uno stato esista deve avere un territorio costituito.

Una nazione attraversa il territorio di uno stato. Autori come Paul (1996) indicano che si potrebbe anche considerare l'esistenza di una nazione araba, composta da più di dodici stati. Mentre questo sta accadendo, in Spagna, molte delle sue comunità autonome come la Catalogna, i Paesi Baschi, la Galizia e l'Andalusia sono riconosciute come nazionalità storiche.

3- Gli stati variano più velocemente delle nazioni

Molti stati hanno dispute di confine, in cui molte parti del territorio sono contestate. Quei territori contesi possono avere una nazione definita, che non cambierà immediatamente, indipendentemente da chi eserciti la sovranità sul territorio.

L'ONU è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale con 51 stati che oggi ammontano a 193, il che indica che la crescita degli stati è stata esponenziale in poco più di mezzo secolo, senza che ciò implicasse una creazione di stati-nazione.

4- Gli stati sono creati, le nazioni no

Ad un certo momento, i leader di ciascun paese hanno concordato di fondarlo o renderlo indipendente, approvando una magna carta o alcune norme fondamentali che indicano come sia stabilito un governo.

Al contrario, le nazioni si conformano nel tempo e devono la loro costituzione a causa dell'evoluzione e non di eventi ed eventi specifici.

La globalizzazione ha incoraggiato l'offuscamento delle nazioni, anche se continuano ad evolversi secondo il loro ritmo e a causa di diversi fattori, che influenzano tutti i tipi di elementi come il dominio culturale che un paese ha rispetto a un altro.

Origine del rapporto tra stato e nazione

I concetti di nazione e stato non sono sempre stati così correlati. Allo stato attuale, la quantità di colonie nel mondo è ridotta. Ma nell'età moderna e in gran parte del contemporaneo, continenti come l'Asia e l'America furono interamente colonizzati.

A quel tempo, fu imposto uno stato ma a causa delle differenze sociali segnate dalla razza, il concetto di nazione era diffuso. In molti casi, con l'indipendenza di molte colonie, gli stati emersero di fronte alle nazioni, che successivamente si raggrupparono per formare identità diverse. In effetti, ci sono ancora molte nazioni senza stato.

Criteri per definire questi due concetti

Nel 1933 fu approvata la Convenzione di Montevideo, che stabilisce i requisiti che ogni stato deve avere. In questo senso, è stato definito che per uno stato deve essere considerato come tale deve avere una popolazione permanente, un territorio definito, un governo stabilito e la capacità di stabilire relazioni con altri stati.

Inoltre, ci sono paesi che non si riconoscono, ma che non smettono di essere stati, secondo la convenzione (Olson, nd).

Definire i confini delle nazioni è più complicato. Questi sono definiti da Benedict Anderson come "comunità immaginarie". Una nazione può essere disseminata da diversi stati, come nel caso del Kurdistan, e desidera la costituzione di uno stato tutto suo (Paul, 1996).

Tuttavia, autori come Walby (2003) affermano che sebbene ci siano molti stati, ci sono pochissimi Stati nazionali e ce ne saranno sempre meno in conseguenza della globalizzazione.