I 10 paesaggi più importanti del Venezuela

I paesaggi naturali del Venezuela comprendono zone aride, giungla, savane, montagne, dune, cime innevate, fiumi e spiagge. Questa varietà è dovuta al fatto che è uno dei 17 paesi megadiversi nel mondo.

Inoltre, il 63% del suo territorio è costituito dalle cosiddette Regime Areas Administration, che rappresentano il più grande gruppo di aree protette dell'America Latina.

Il Venezuela è un paese sudamericano con oltre 916 mila chilometri quadrati, al di fuori dei 159 542 km² che contesta la Guayana Esequiba sin dai tempi coloniali. Inoltre, questa nazione esercita la sovranità su 71 295 km² di mare territoriale.

Ha poco più di 30 milioni di abitanti, secondo il censimento dell'Istituto Nazionale di Statistica (INE) del 2011.

Il boom del petrolio ha portato le sue conseguenze che la più alta densità di popolazione si trova nel nord e nell'ovest del paese.

Tuttavia, anche in queste aree è possibile vedere la bellezza naturale. Il Venezuela è diviso in 23 stati e un distretto della capitale.

I 10 principali paesaggi naturali del Venezuela

1- Los Roques

Il Parco Nazionale dell'Arcipelago di Los Roques si trova nel Mar dei Caraibi ed è composto da circa 50 isole e 292 cays e banche.

Questo parco è stato fondato nel 1972 e offre un passaggio di sabbie bianchissime e acque cristalline che mostrano un blu turchese all'orizzonte. La sua temperatura media è di 27, 8 ° C e piove poco durante l'anno.

Ha coralli, mangrovie e guanos. Anche la mangrovia rossa e il tannino sono abbondanti. È anche sede di almeno 92 specie di uccelli.

Tra le sue isole ci sono il Francisqui, il Nordisqui, il Madrisqui e il Gran Roque. Quest'ultimo è l'unico abitato ed è dove si trova l'aeroporto dell'arcipelago. Tra le sue chiavi: Rasquí, Cayo de Agua e Bajo Fabián.

Secondo i risultati di diverse spedizioni archeologiche, Los Roques era la casa di gruppi etnici aborigeni nomadi dal centro-nord del Venezuela.

Allo stesso modo, è noto che intorno al XIV secolo arrivarono a Los Roques diversi gruppi di Curacao, Aruba e Bonaire. Era principalmente pescatori, estrattori di sale e cacciatori di tartarughe.

Il suo nome deriva dal fatto che i primi visitatori lo chiamavano "La Roca".

2- La Gran Sabana

Considerato patrimonio dell'umanità dal 1994, il Gran Sabana è un parco nazionale situato al confine con il Venezuela sud-orientale. In questo puoi vedere paesaggi della giungla, fiumi, tepuis e cascate.

I 18 mila chilometri quadrati di questo parco sono costituiti dalla massa delle Guiane.

Il clima di La Gran Sabana è tropicale umido e ha una vegetazione erbacea e foreste lussureggianti.

I Pemones chiamano questo territorio Wek-Tá, che significa "luogo delle colline", ed è conosciuto nel resto del paese come la Gran Sabana dal 1930, circa.

3 - L'angelo salta

The Angel Falls appartiene al Parco Nazionale Canaima dello Stato di Bolivar in Venezuela. Nasce su un altopiano chiamato Auyantepuy.

Divenne più noto dopo che un aviatore americano di nome James C. Angel sbarcò là cercando oro nel 1937.

È il salto più alto del mondo (mille metri di caduta libera) ed è anche patrimonio naturale dell'umanità dal 1994.

The Angel Falls offre un paesaggio imponente con una vegetazione molto fitta che comprende più di 500 specie di orchidee e bromelie; e fiumi rossastri.

4- Roraima

È il tepuy più alto e conosciuto della Gran Sabana. Nella sua struttura ci sono quarziti, arenarie e qualche ardesia.

È il più alto nella catena di altipiani della catena montuosa di Pacaraima, in Sud America. Al suo vertice vi è un'area delimitata nel 1931 in cui convergono i confini tra Venezuela, Brasile e Guyana. La sua età è stimata in 2000 milioni di anni.

La collina Roraima, o Roroima, ospita specie vegetali endemiche come alcune specie di orchidee, licheni e bromelie. Vi coesistono alcune specie animali uniche, come il topo Roraima vulnerabile.

5- Parco nazionale di Mochima

Si tratta di un parco nazionale situato a 600 metri sul livello del mare che confina con la costa marittima nord-orientale del Venezuela.

È formato da più spiagge con acque cristalline e sabbia bianchissima. Queste spiagge sono riparate da montagne di vegetazione tropicale con felci, orchidee, mangrovie, batatillas e cardones sulla spiaggia. Ci sono le tartarughe marine, i delfini e le aringhe.

6- Parco nazionale del Médanos de Coro

Un altro parco nazionale è un paesaggio che rompe con l'aspetto tropicale della maggior parte del Venezuela: il deserto delle dune del Coro.

È un istmo lungo 30 chilometri e largo 5 chilometri, con un'altezza media di 20 metri sul livello del mare.

Il suo aspetto sta cambiando perché gli alisei soffiano da est a ovest, cambiando la disposizione della sabbia.

Le sue dune passano da 8 metri sul livello del mare e hanno una vegetazione erbacea, anche se ha anche mangrovie arbustive, tonni e cardoni. La sua temperatura è più o meno costante durante l'anno e varia tra 26 e 35 ° C.

7- Pico Bolívar

Un altro paesaggio estremo del Venezuela è Pico Bolívar, un picco roccioso con temperature sotto lo zero.

Al suo culmine (il più alto del paese) è uno dei tre ghiacciai che esistono in Venezuela: il ghiacciaio nord.

Si trova all'interno del parco nazionale Pico Bolívar nella Cordillera de Mérida e ha un'altezza di 4978 metri sul livello del mare.

8- The Black Lagoon

La Laguna Nera è un'altra delle attrazioni naturali del Parco Nazionale della Sierra Nevada, nello stato di Merida.

Si trova ad un'altitudine di 3480 metri sul livello del mare e la sua profondità è stimata a 24 metri, il che lo rende il lago più profondo del Venezuela.

Ha un colore scuro che lo rende oggetto di miti e leggende. È nel mezzo di una terra desolata ed è difficile da raggiungere, motivo per cui è un posto esotico.

9- Parco nazionale Henri Pittier

Ha più di 107 mila ettari ed è stato il primo parco nazionale in Venezuela. Si trova tra l'area settentrionale dello stato di Aragua e il nord-est dello stato di Carabobo.

Questo spazio naturale venezuelano offre un paesaggio "a doppia faccia": un lato montuoso con circa 500 specie diverse di uccelli, fiumi, ed esuberante vegetazione e flora tropicale.

La seconda parte è costituita da una striscia costiera con baie e spiagge. Il parco nazionale Henri Pittier è una fonte d'acqua fondamentale per le città adiacenti.

10- Isla Margarita

L'isola di Margarita o la "Perla dei Caraibi", come è anche noto, si trova nel nord-est del Venezuela ed è l'unico stato insulare in Venezuela: Nueva Esparta. Margarita è la più grande delle isole dei Caraibi venezuelani, con i suoi 1072 chilometri quadrati.

La sua caratteristica più notevole è la presenza di due catene montuose: la penisola Macanao, a ovest; e Paraguachoa, ad est. Questi sono uniti da un istmo di bassorilievo. La sua temperatura varia tra 27 e 34 ° C.